Chi è l’inventore del gelato moderno?

Oggi lasciamo per pochi minuti il nostro laboratorio di gelateria per fare un dolce viaggio nel tempo tra fresche curiosità. Ti sai mai chiesto chi è l’inventore del gelato moderno? Proviamo a scoprirlo insieme! Dopotutto per diventare dei veri maestri del gusto bisogna anche conoscere le origini di questa specialità dai mille sapori che ci accompagna ormai in ogni stagione dell’anno.

Prime gustose tracce
Ancora non vi è certezza precisa su chi è l’inventore del gelato, ma sembra che già nella Bibbia ci siano le prime tracce. In particolare di quel momento quando Isacco offrì ad Abramo del latte di Capra misto a neve. Altri esperti invece ne fanno risalire la paternità direttamente ai romani e più precisamente ai loro dessert freddi chiamati “nivatae potiones”.

Un’invenzione tutta Made in Italy
Se parliamo di gelato moderno però dobbiamo fare un rapido salto nel tempo nella Firenza del ‘500. Si deve infatti all’architetto Bernardo Buontalenti l’idea di dare vita a questo gusto mix di ingredienti composto da latte, uovo e panna. Ad esportarlo d’oltralpe troviamo poi Francesco Procopio dei Coltelli che trasferitosi da Palermo a Parigi aprì la prima caffetteria gelateria della storia. Il primo vero imprenditore del gelato. Non c’è dubbio quindi che il nostro Paese, ad oggi simbolo di eccellenza nel mondo per la cucina, sia il luogo d’origine del gelato.

Alla conquista dell’America
Dalla Parigi del 500, il nostro goloso viaggio nel tempo arriva fino al 1700. Il protagonista è ancora una volta un nostro connazionale: Filippo Lenzi che aprì la prima gelateria a stelle e strisce. Il prodotto dolce e cremoso, da lì a poco, conquistò gli americani, portando nel 1800 ad una nuova invenzione: la sorbetteria a manovella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.